Utilizziamo i cookie per far funzionare correttamente ed al meglio questo sito web. In ottemperanza alla Direttiva Europea 2009/136/CE recepita dai D.Lgs. 69/2012 e 70/2012 dobbiamo chiederVi il consenso. Si prega di accettare i cookie di questo sito web al fine di poterVi offrire la migliore esperienza possibile e quindi proseguire con la navigazione così come su un qualsiasi altro sito web su Internet. Grazie... 

3.7/5 di voti (127 voti)

Una importante premessa...

Una importante premessa...

Questo sito e i nostri lavori nascono da sincera passione e profondo rispetto. Passione per questi veri "bolidi del cielo" ed ammirazione e rispetto per quanti hanno avuto il privilegio di pilotarli. Rispettiamo ed ammiriamo tutti i piloti e tutti i veterani di tutte le nazioni. Senza distinguere tra vincitori e vinti. Le loro esperienze di vita hanno superato spesso i limiti che consideriamo umanamente sopportabili. Moltissimi di loro sono morti alla loro prima missione. Altri, troppo pochi, sono sopravvissuti, ma a prezzo altissimo. Ciò che vogliamo però affermare con forza è il nostro rifiuto morale per la guerra, male assoluto di cui l'umanità dovrà prima o poi liberarsi. Non pensate quindi che dietro il nostro progetto si nasconda una qualche ideologia nostalgica. Siamo sì dei sinceri appassionati, che si lasciano affascinare dalla grande bellezza che solo un aereo o un mezzo militare della II GM sa esprimere, ma siamo anche perfettamente consci e convinti che queste siano macchine di morte. Per chi le ha usate e per chi le ha subite. L'immagine che abbiamo scelto per lla nostra homepage raffigura pienamente il nostro pensiero. Dai visi di quei ventenni, equipaggio di un bombardiere inglese, traspare tutta la felicità, il sollievo e la liberazione di un rientro indenne da una pericolosa missione di bombardamento. Ancora oggi, con lo spirito, partecipiamo anche noi alla loro gioia. Allo stesso modo non possiamo dimenticare che nello stesso istante in cui questa splendida immagine venne scattata, a qualche centinaio di Km di distanza, altri uomini, donne e bambini subivano in prima persona l'enorme orrore causato proprio dalle mani di quei giovani aviatori così apparentemente felici.